Bonus Mobilità

Finalità

A partire dal 3 novembre sarà possibile accedere all’applicazione web messa a disposizione del Governo per richiedere il rimborso per gli acquisti effettuati (biciclette, e-bike, monopattini e servizi di mobilità condivisa a uso individuale) o il buono mobilità.

Il bonus è stato introdotto dal Decreto Rilancio all’art. 229 Misure per incentivare la mobilità sostenibile per incentivare forme di mobilità sostenibile alternative al trasporto pubblico locale che garantiscano il diritto alla mobilità delle persone nelle aree urbane a fronte delle limitazioni al trasporto pubblico locale operate dagli enti locali per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19.

 

Beneficiari

Il bonus mobilità può essere richiesto, da maggiorenni residenti nei capoluoghi di Regione, nelle Città metropolitane, nei capoluoghi di Provincia, ovvero nei Comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti.

 

Spese Ammissibili

Il bonus mobilità deve essere utilizzato per l’acquisto di bici tradizionali, biciclette anche a pedalata assistita e veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica quali segway, monopattini, hoverboard e mono-ruota. Il buono vale anche per l’uso di servizi di mobilità condivisa (sharing) a uso individuale esclusi quelli con autovetture.

Sono ritenuti validi gli acquisti effettuati a partire dal 4 maggio 2020 e fino al 31 dicembre 2020.

Chi avrà acquistato un bene o servizio di mobilità previsto dal decreto fino al giorno prima dall’attivazione dell’applicazione web (riceverà il rimborso con un bonifico, chi non l’avrà ancora fatto otterrà un “buono mobilità” che consegnerà al negoziante, il quale sarà poi rimborsato dal Ministero.

Il rimborso potrà essere richiesto da coloro che hanno effettuato acquisti dal 4 maggio 2020 fino al 2 novembre 2020.

Il buono mobilità potrà essere ottenuto da coloro che acquisteranno i beni dal 3 novembre 2020 fino al 31 dicembre 2020.

IMPORTANTE: il buono generato sulla piattaforma scade dopo 30 giorni (per spese effettuate entro 31 dicembre 2020).

 

Contributo

Il bonus, che può essere richiesto per una sola volta ed esclusivamente per una delle destinazioni d’uso previste, copre il 60% della spesa sostenuta, per un massimo di 500 euro.

 

Apertura Bando

Per accedere all’applicazione è necessario disporre delle credenziali SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale). Pertanto se non la si possiede già, richiedere e attivare un’identità SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), operazione facile e veloce da poter fare anche via internet, tenendo sotto mano un documento di identità e il proprio codice fiscale, limitando l’accesso a un ufficio preposto (ad esempio le Poste), solo per il riconoscimento visivo (viene data anche la possibilità di prenotare l’appuntamento presso l’ufficio postale a noi più comodo).

Per prima cosa, è bene avere chiara la differenza fra rimborso e buono spesa digitale, soprattutto per quanto riguarda le tempistiche e le scadenze.