Contributi a fondo perduto pari al 50% per le micro e piccole imprese bresciane per la sicurezza e l’ambiente

Finalità

Il presente bando è rivolto alle micro e piccole imprese bresciane operanti nei settori economici del commercio, turismo, servizi, artigianato e agricoltura, allo scopo di incentivare e promuovere la sensibilità per i temi ambientali, green economy e sicurezza.

 

Beneficiari

Sono beneficiari della misura le imprese bresciane che:

  • rientrino nei criteri comunitari di definizione di micro e piccola impresa;
  • abbiano un massimo di 20 dipendenti ed un fatturato annuo totale non superiore a 6 milioni di Euro;
  • operino nei settori economici del commercio, turismo, servizi, artigianato, agricoltura, come da codice ATECO Istat 2007;
  • abbiano sede legale e/o unità operativa nella provincia di Brescia, siano iscritte al Registro delle Imprese ed in regola con la denuncia di inizio dell’attività presso l’ente camerale bresciano;
  • siano in possesso di qualifica artigiana, ove previsto.

 

Agevolazione

Contributo a fondo perduto pari alla misura del 50% del costo sostenuto nel periodo 1.1.2021 – 31.12.2021.

Il contributo massimo è di Euro 3.000 per ogni impresa. La spesa minima ammissibile è di euro 1.500.

La dotazione finanziaria complessiva è pari ad EURO 750.000,00.

 

Interventi ammessi

I contributi sono concessi allo scopo di incentivare e promuovere la sensibilità per i temi ambientali, green economy e sicurezza, mediante il sostegno finanziario agli investimenti effettuati, acquistati, completamente pagati e installati, nel periodo 1.1.2021 – 31.12.2021:

MISURA 1. Tecnologie per la sicurezza per la prevenzione di atti criminosi.

Sono ammissibili gli investimenti sostenuti per l’acquisto di:

Impianti antintrusione, anti taccheggio, vetri antisfondamento: antifurti o allarmi con sistemi di rilevamento satellitare collegati alle centrali di vigilanza; attrezzature per video-sorveglianza; videoprotezione con cassetta di registrazione e assimilabili; telecamere collegate direttamente con le centrali delle forze dell’ordine; casseforti e armadi blindati.

 Tecnologie per la sicurezza sanitaria per la prevenzione dell’infezione da COVID 19: 

  • Macchinari ed attrezzature per la sanificazione e disinfezione degli ambienti aziendali.
  • Apparecchi di purificazione dell’aria, anche portatili.
  • Interventi strutturali all’impianto di aerazione della struttura, solo se finalizzati al miglioramento della sicurezza sanitaria.
  • Interventi strutturali per il distanziamento sociale all’interno ed all’esterno dei locali.
  • Realizzazione di interventi strutturali o temporanei (comprese le opere murarie strettamente connesse) nonché acquisto di arredi interni ed esterni atti a garantire il rispetto delle misure di distanziamento sociale prescritte dalla normativa sanitaria sia tra i lavoratori sia tra i clienti/utenti.
  • Termoscanner e altri strumenti atti a misurare la temperatura corporea a distanza, anche con sistemi di rilevazione biometrica.
  • Strumenti ed attrezzature di igienizzazione per i clienti/utenti, per i prodotti commercializzati (ozonizzatori, lampade UV, ecc., per sanificare i capi di abbigliamento) e per gli spazi che prevedono la presenza nella struttura per un tempo superiore ai 15 minuti da parte dei clienti/utenti (vaporizzatori per sanificazione camerini, cabine estetiche, aule, ecc.) anche in coerenza con eventuali indicazioni delle Autorità Sanitarie).
  • Sistemi contactless (serrature elettroniche) per accesso ai locali.
  • Attrezzature software e/o strumenti relativi al monitoraggio e controllo dell’affollamento dei locali.

 

MISURA 2. Riduzione consumi energetici ed impatto ambientale e rifiuti.

Sono ammissibili gli investimenti sostenuti per l’acquisto di:

  • Attrezzature per il lavaggio delle stoviglie per uso professionale, impianti e attrezzature per il riciclo dell’acqua e la riduzione dei flussi e degli scarichi idrici.
  • Attrezzature per il freddo (frigoriferi, celle frigorifere, congelatori, surgelatori, abbattitori termici, e simili) per uso professionale.
  • Attrezzature per il caldo limitatamente a forni elettrici o micro onde per uso professionale.
  • Attrezzature per la produzione di energia da fonti rinnovabili;
  • Attrezzature per interventi finalizzati a migliorare l’efficienza energetica e gestione energetica; interventi per l’efficienza energetica dei sistemi per l’illuminazione (apparecchi ad alta efficienza, ecc.); sistemi di illuminazione esterna che non generano inquinamento luminoso ad esempio mediante l’utilizzo di lampade al sodio in alta pressione; impianti a sensore di presenza a spegnimento automatico.
  • Riduzione dei rifiuti: compattatori di rifiuti organici/imballaggi, tritarifiuti ad uso professionale per attività di somministrazione.

E` ammesso a contributo esclusivamente l’acquisto di beni nuovi di fabbrica che dovranno essere installati nella sede e/o unità operativa bresciana individuata dal richiedente. Non sono ammessi acquisti di parti nuove da sostituire ad attrezzature già in possesso del richiedente.

Sono ammesse a contributo le spese di progettaziome e/o consulenza e/o installazione, nel limite del 30% dell’investimento complessivo sostenuto dall’impresa.

 

Scadenza

Domande presentabili da martedì 8.2.2022 a lunedì 14.2.2022 dalle ore 9 e fino alle 16.