Sostegno a Imprese di Prossimità e Negozi di Vicinato

Finalità

Il Comune di Milano e la Camera di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura di Milano Monza Brianza Lodi sostengono le attività imprenditoriali come strumento per lo sviluppo sociale ed economico e la riqualificazione urbana delle periferie. Attraverso il bando Prossima Impresa, si provvede alla concessione di agevolazioni per progetti imprenditoriali in alcune aree periferiche della città.

 

Beneficiari

Il bando Prossima Impresa è articolato in due misure:

Misura 1) Nuove Imprese

Misura 2) Imprese esistenti.

1) Aspiranti imprenditori che vogliono costituire una nuova micro o piccola impresa nelle aree individuate dalla legge 266/97, attivata presso una unità locale (sede operativa) ubicata su piano stradale con accesso diretto da pubblica via o da altra strada destinata a pubblico transito – MISURA 1 (nuove imprese).

2) Micro e piccole imprese già costituite, con una unità locale (sede operativa) ubicata su piano stradale con accesso diretto da pubblica via o da altra strada destinata a pubblico transito – MISURA 2 (imprese esistenti).

I progetti imprenditoriali possono riguardare qualunque settore di intervento, con esclusione dei seguenti:

  • siderurgia (13.10, 13.20, 27.10, 27.22, 27.22.2);
  • costruzioni automobilistiche (34.10, 34.20, 34.30);
  • costruzioni navali (35.11.1, 35.11.3);
  • fibre sintetiche (24.70);
  • pesca (05.01);
  • trasporto (60,61,62).

Il Bando individua inoltre come ambito prioritario l’autoimprenditorialità Femminile.

I progetti imprenditoriali devono essere realizzati nelle seguenti aree periferiche di Milano: Adriano, Baggio, Barona, Bovisa, Bruzzano-Comasina, Cagnola – Villapizzone, Calvairate, Corvetto, Crescenzago, Giambellino-Lorenteggio, Gratosoglio, Greco, Lambrate-Ortica, Niguarda-Cà Granda, Olmi-Muggiano, Ponte Lambro, Quarto Oggiaro, Quinto Romano, San Siro, Spaventa, Stadera, Taliedo-Morsenchio, Vialba-Certosa, Vigentino – Chiaravalle-Quinto Sole.

 

Spese Ammissibili

Misura 1: Nuove Imprese

Spese per investimenti (pari o superiori al 50%):

  1. a) studi di fattibilità, progettazione esecutiva, direzione lavori, spese notarili, servizi di consulenza e assistenza;
  2. b) acquisto brevetti, realizzazione di sistema di qualità, certificazione di qualità, ricerca e sviluppo;
  3. c) opere murarie e/o lavori assimilati, comprese quelle per l’adeguamento funzionale dell’immobile e per la ristrutturazione dei locali;
  4. d) impianti, macchinari e attrezzature nuovi di fabbrica;
  5. e) sistemi informativi integrati per l’automazione, impianti automatizzati o robotizzati, acquisto di software per le esigenze produttive e gestionali dell’impresa;
  6. f) investimenti per la sicurezza dei luoghi di lavoro.

Spese di gestione (pari o inferiori al 50% del totale delle spese ammissibili):

  1. g) materie prime, semilavorati, prodotti finiti;
  2. h) locazione;
  3. i) formazione e qualificazione del personale;
  4. j) servizi amministrativi, di comunicazione, di vigilanza, di pulizia, di assistenza tecnica, manutenzione e noleggio.
  5. Misura 2: Imprese esistentiPer le Imprese già costituite le SPESE PER INVESTIMENTI possono solo essere pari al 100% della spesa rendicontata. Il presente Bando non ammette Spese in conto Gestione per Imprese già costituite.Le Spese per investimenti ammissibili per questa misura sono le stesse indicate per la Misura 1 ad eccezione delle spese notarili.  Tutte le spese devono essere effettuate e fatturate dopo la data di presentazione della domanda di agevolazione e prima della conclusione del progetto.

 

Contributo

Entrambi le misure prevedono:

un finanziamento a tasso agevolato pari a 0,5 punti percentuali, nel limite massimo del 25% della spesa complessiva ammessa e fino ad un massimo di €25.000,00

tale finanziamento può essere richiesto in anticipo, attraverso contratto di avvio del progetto con il Comune di Milano in seguito alla costituzione dell’impresa dietro presentazione di idonea fideiussione;

un contributo a fondo perduto, nel limite massimo del 25% della spesa complessiva ammessa e fino ad un massimo di € 25.000,00

tale contributo viene erogato a saldo in seguito alla verifica della adeguatezza della rendicontazione attraverso contratto di fine progetto con il Comune di Milano.

Il valore complessivo dell’agevolazione non potrà superare il limite massimo del 50% della spesa complessiva ammessa e fino ad un massimo di € 50.000,00. Il rimanente 50% dovrà essere coperto dall’impresa beneficiaria.

 

Apertura Bando

Sarà possibile presentare domanda dal 17 settembre 2019 alle ore 12:00 del 19 novembre 2019.